Cos'è una Blockchain?

Cos’è una Blockchain?
Stai per scoprire cos’è la Blockchain, FINALMENTE!

Con tutto questo parlare di Bitcoin, NFT e token, senti sempre più spesso questa parola e ti sei deciso una volta per tutte a capire di cosa si tratta. Bravo! Sei nel posto giusto, e benvenuto nell’Accademia con questo primo documento.

Ok, facciamola semplice: una blockchain (perché sono tante, una per moneta) è un registro. Il registro delle transazioni svolte su una rete che scambia quella particolare moneta. Questo registro ha caratteristiche così rivoluzionarie che hanno determinato il rapido sviluppo e acquisto di valore di questo settore.

blockchain
Una catena di blocchi

La particolarità di questo registro è che è opposto al libro mastro di una banca: difatti una blockchain va vista come un file di testo online, pubblico e condiviso in copia da tantissimi server, i cosiddetti nodi della rete, i quali ne sono un po’ i guardiani e ne curano l’aggiornamento e la sua verifica di completezza e correttezza.

Ogni transazione è scritta proprio su questo registro, dopo che un certo numero di nodi ha verificato i saldi dei due o più wallet (portafogli digitali) che stanno operando, e dopo aver certificato lo scambio del valore.

Ora dovresti cominciare a capire: essendo online è pubblico, veloce e attivo 24\24, 7\7, questo perché se anche un nodo finisse offline, ce ne sarebbero tanti altri pronti a darti l’ok per la tua transazione, scrivendola per sempre nella versione aggiornata della blockchain su cui stai operando.

Ecco la magia del consenso delegato e distribuito alla base di questa catena: la garanzia degli scambi di valore non è affidata al capo di una banca privata, ma distribuita tra utenti qualunque della rete internet che, lavorando insieme e pubblicamente, risultano affidabili in una maniera mai vista prima del 2008, anno in cui è nata la prima criptovaluta, il Bitcoin.

Ok, ok, è complicato, un esempio ancora più reale?

Pensa di entrare a lavoro o in classe e chiedere ad un tuo amico il nome del nuovo compagno\collega, lui ti risponde “Mario” e tu pensi possa essersi sbagliato. Lo chiedi ad altri 9 e tutti ti rispondono allo stesso modo. A questo punto ti fidi e dai per certa l’informazione. La Blockchain opera secondo questo concetto.

Ti parlerò del più famoso, Bitcoin, in quanto le altre hanno preso spunto da lui proponendo alcune innovazioni e idee originali; ma le approfondiremo con il resto dei documenti nell’Accademia.

bitcoin

Ogni blockchain, Bitcoin, Ethereum e Solana ad esempio, è una rete a sè stante: chi sembra un’autostrada, chi una strada statale, chi una rete ferrovia. Con i suoi pro e contro. Ciascuna operazione (che richiede una verifica) ha un costo e comporta delle operazioni che ogni validatore deve fare. Quel costo è pagato nella moneta base della rete che, nel caso di Bitcoin, è programmato per essere stampato in un numero preciso ogni 10 minuti circa, fino a raggiungere la tiratura di 18 milioni. Quella quantità stampata è lo stipendio di chi ha validato le ultime transazioni. E quando verranno stampati tutti i Bitcoin cosa succederà se tutti ne vorremo uno? Ecco, stai cominciando a capire perché sia salito così tanto di valore!

Come si differenzia questa catena di blocchi?

Bhè, a questa domanda potrai rispondere solo dopo aver approfondito quante più alternative possibili. Per ora ti basti sapere che solitamente vengono classificate con tre parametri: decentralizzazione, sicurezza e capacità di gestire sempre più operazioni senza che ne risentano le prestazioni e i costi (più semplicemente scalabilità).

Ma un passo alla volta, queste caratteristiche e molti altri concetti chiave le approfondiremo prossimamente assieme ai documenti dedicati alle chains più famose e non solo, perciò procediamo con il prossimo!

Continua a imparare