Cos'è il Bitcoin?

Cos’è il Bitcoin?
Bitcoin. Dove tutto è iniziato.

Penso che questo, insieme all’articolo sulla Blockchain, sia uno dei capostipiti, perciò cercherò di spiegarti il tutto nel modo più semplice possibile. Prendi una bibita e goditi questo documento.

Un po’ di storia?

Nato nel 2009 da un’idea di un ignoto Satoshi Nakamoto, Bitcoin voleva essere una possibile soluzione alla crisi finanziaria in corso, diventando un’alternativa al classico metodo centralizzato, bancario, per scambiare valore. E i presupposti c’erano tutti! Le transazioni di cripto, infatti, tendono ad essere più veloci, discrete, economiche e trasparenti rispetto ad un normale bonifico… Non ti basta? Sappi che se invii cripto come regalo la notte di Natale, esse arriveranno nel giro di minuti dall’altra parte del mondo, senza aspettare giornate lavorative o la riapertura delle banche: e chiunque potrà vedere quella transazione tra i due portafogli.

bitcoin

Oggi andiamo un po’ più a fondo

Bitcoin è una blockchain “Proof of Work”, dove lo sviluppo della rete e la verifica della genuinità delle transazioni è garantita dal lavoro, appunto, dei miners i quali, coi loro computers, eseguono un’operazione di calcolo che sigilla come valide un tot di transazioni e le impacchetta in un ipotetico blocco. Questo blocco, si aggiunge alla catena di blocchi (block-chain) che è perennemente online e condivisa in ugual copia da tutti i miners.

Proof of Work: è l’algoritmo che protegge molte criptovalute, inclusi Ethereum e Bitcoin. Questa “Prova di Lavoro” è necessaria per far funzionare la valuta online senza che un’azienda o un governo la gestiscano.

I miners lavorano molto, spendono corrente elettrica e aggiornano continuamente i loro pc o addirittura batterie di computers, per questo nel Proof of Work sono remunerati con le nuove monete che vengono coniate come premio alla nascita di un nuovo blocco di transazioni verificate: nel caso della blockchain Bitcoin si tratterà di BTC mentre nel caso di Ethereum, altra chain Proof of Work, con ETH.

bitcoin
Bitcoin è molto altro!

Nel 2009 sono state ordinate 2 pizze a domicilio per 10.000 bitcoin, nel 2021 il bitcoin ha toccato quasi 70.000 dollari e quei 10.000 bitcoin valevano 700.000.000 di dollari, un po’ care come pizze…

Il suo valore è salito moltissimo perché sempre più privati ed aziende si sono accorti che potrebbe essere considerato come riserva di valore.

Cosa si intende con riserva di valore?

Riserva di valore è tutto ciò a cui noi, come comunità, diamo valore, come ad esempio gli appartamenti, un’opera d’arte conclamata o i metalli preziosi. Tende ad essere meglio considerato riserva di valore un bene rifugio di tipo deflazionario. Grossi paroloni con cui si intende che non è infinito ma è composto da un numero preciso di unità, prestabilite.

I dollari ad esempio sono un bene inflazionario, poiché se ne può stampare una quantità potenzialmente infinita… ti immagini cosa succederebbe se nel mondo ce ne fossero 1000 volte tanti? Bhè, tutti ne avremmo una valanga e varrebbero molto meno, che è poi un po’ quello che succede nel corso degli anni, basti pensare ai beni di consumo che costano sempre più a causa della rinomata inflazione.

Ecco, questo necessario paragrafo per dirti che bitcoin non è inflazionario ma appunto deflazionario perché la sua quantità è programmata a 21 milioni di unità, aggiungici che sempre più persone e aziende gli danno valore e lo vogliono e abbiamo la ricetta del successo.

Ti mostro un possibile scenario futuro: quando tutti i bitcoin saranno minati, tra circa 100 anni, ce ne saranno 21 milioni prodotti, stimando un 25% andati persi tra transazioni errate e perdite di password, percentuale ad oggi veritiera, ne circoleranno circa 16 milioni, gli abitanti delle sole Lombardia e Lazio sommati tra loro.

Poniamo che un bitcoin valga quanto vale oggi, 30 mila dollari, ti immagini se improvvisamente ogni abitante d’Italia ne volesse uno? E se fosse così per ogni abitante d’Europa? Conta che ci sono aziende che già ne possiedono migliaia ad oggi, e continuano ad incamerare, bhè, hai capito dove voglio arrivare, cioè che a causa dell’altissima domanda il prezzo salirebbe molto, perché ciascuno è intenzionato ad averne uno ed è disposto a pagarlo sempre più.

Ecco perché bene rifugio, perché si apprezza col tempo, ed è quello che BTC sta facendo inesorabilmente dal 2009.

Continua a imparare